Luigi Sturzo e il Personalismo

Luigi Sturzo e il Personalismo

  Il Personalismo italiano, storicamente, dal punto di vista della sua struttura è una ripresa e uno sviluppo del Personalismo francese ma si distingue per l’attenzione alla dimensione politica, in particolare modo a partire dal 1935 e fino al 1955 e per essere militante. Non a caso nel 1935 videro la luce le prime opere di Sturzo e Capogrossi e come detto, l’impegno politico è costante al punto che la politica è senza dubbio la dimensione centrale dell’attività filosofica. Il movimento italiano non ha solo l’ascendenza transalpina ma presenta dei tratti originali, per cui accanto alla comune eredità tomistica ci sono sia l’influenza di Antonio Rosmini, profondamente avvertita da Sturzo […]

Gli stuPrati di Stroncone. Uno scempio paesaggistico

Gli stuPrati di Stroncone. Uno scempio paesaggistico

La località si trova nel Comune di Stroncone, in Provincia di Terni, ad un’altitudine di poco superiore ai 900 metri. Una guida del Touring Club del 1934 definiva questo luogo come una “amena zona climatica, caratterizzata dalle poche stalle sparse e dagli ampi prati ….. consigliata tra le mete del viaggiatore in Italia per la bellezza del paesaggio“. Tristemente da allora qualche solerte “valorizzatore” del territorio ha permesso che si compisse uno scempio che ha trasformato l’area in una diffusa disposizione di case vacanza, senza alcun criterio formale, senza nessuna coerenza con il contesto, spesso con l’aspetto di vere e proprie baracche, che tra l’altro ricordano certa edilizia spontanea, ed […]

Forma Urbis

Forma Urbis

(Pubblicato in “Indagini” n. 82/2003) La tradizione europea che vuole la città come luogo diabolico della dannazione e del peccato, del comando e dello sviluppo, è, in Europa, antichissima. La questione era stata posta con vigore, nella prima metà del XII secolo da Bernardo di Chiaravalle, il quale sostenne che la città pone traguardi materiali e intellettuali che inducono a dimenticare che il soggiorno dell’uomo sulla terra è solo un passaggio, e addirittura suggeriscono comportamenti fatali. In seguito un neo malthusianesimo diffuso e ingiustificato ha sostenuto l’idea della concentrazione come promotrice delle possibilità offerte dalle tecniche costruttive e dalla scienza. Infine si è avuto il sopravvento della città metafora della […]