LA PRIVATIZZAZIONE DI POSTE ITALIANE. SIAMO ALLE ULTIME BATTUTE DELLO SPERPERO DEL PATRIMONIO PUBBLICO?

LA PRIVATIZZAZIONE DI POSTE ITALIANE. SIAMO ALLE ULTIME BATTUTE DELLO SPERPERO DEL PATRIMONIO PUBBLICO?

Danilo Stentella (Pubblicato in https://www.lindro.it/privatizzazioni-poste-e-poi/) Le parole chiave della ennesima privatizzazione, quella di Poste Italiane, le ipotesi sottostanti, sono: raccolta di risorse finanziarie private finalizzate al rallentamento della crescita del debito pubblico e liberalizzazione del mercato. Appunto, rallentamento della crescita del debito, non riduzione dello stock, impresa impossibile con gli strumenti di politica economica al momento utilizzati dai governi italiani.

PRIMA LA CRISI DEGLI STRUMENTI DERIVATI, “DI FINAZA DERIVATA NON SAPEVO NULLA” … POI LO CONFERMANO DIRIGENTE

PRIMA LA CRISI DEGLI STRUMENTI DERIVATI, “DI FINAZA DERIVATA NON SAPEVO NULLA” … POI LO CONFERMANO DIRIGENTE

(Aldebrano Micheli, 2016) Il fatto risale agli anni che vanno dal 2002 al 2010, periodo durante il quale il Comune di Terni ha stipulato quindici contratti di finanza derivata, gravati da notevoli costi impliciti. Il Comune decise di ricorrere all’impiego di Interest Rate Swap al fine di ridurre il rischio connesso con la variabilità dei tassi di interesse applicati ai rapporti debitori esistenti.

Perchè la Siria?

Perchè la Siria?

Perchè proprio la Siria, dopo la Libia, è diventata un importantissimo territorio di conquista per USA, Francia e Regno Unito? Perchè all’improvviso anche questo territorio deve essere destabilizzato? Perchè Bashar Al Assad se ne deve andare, lasciando campo libero a una molteplicità di milizie, delle quali l’ISIS è solo una, che fanno capo a diverse potenze straniere?