Categoria: Monografie

22/05/2011 Off di Redazione

RELAZIONE COMMISSIONE PARLAMENTARE D’INCHIESTA SULLA LOGGIA MASSONICA P2

 

La Commissione ha effettuato un totale di 147 sedute, nel corso delle quali sono state ascoltate testimonianze, per un totale di 198 persone che hanno, a vario titolo, collaborato ai lavori di inchiesta in sede di audizione. Valendosi dei poteri concessi dalla legge istitutiva, la Commissione ha ordinato l’effettuazione di 14 operazioni di polizia giudiziaria, tra le quali particolare rilievo hanno assunto quella diretta ad accertare la situazione reale dell’assetto proprietario relativo al Corriere della Sera, nonché quelle effettuate presso le comunioni massoniche maggiormente accreditate al fine di verificare, in termini ultimativi, sia la consistenza della Loggia massonica P2, sia la natura dei vari legami con l’ambiente massonico. Nel corso dei suoi lavori la Commissione ha infine accumulato una mole di documenti, valutabile nell’ordine di alcune centinaia di migliaia di pagine, che risulta in parte formata direttamente da attività della Commissione, in parte acquisita da fonti esterne, ovvero, oltre che da privati, da autorità giudiziarie ed amministrative di ogni ordine e grado, che hanno prestato la loro collaborazione, sia autonomamente, che su impulso della Commissione.

I dati esposti offrono da soli, nella loro sintetica enunciazione, un quadro significativo dell’importanza del fenomeno e della sua ramificazione. 

 

18/03/2011 Off di admin

Bindo Lancia, con le ali ai piedi negli anni 50

da IL MESSAGGERO del 4 aprile 2007, articolo di Sergio Capotosti.

L’ex velocista ternano racconta le sue traversie atletiche e le soddisfazioni in pista

Bindo Lancia

La paura di volare ce l’ha solo quando deve prendere l’aereo, per il resto, scarpe da tennis ai piedi, la velocità è la sua passione. Un amore che dura da oltre 50 anni e oggi, a settanta anni passati, ancora resiste. Correre è una “missione”. In tutte le salse: 100mt, 200, 300 ostacoli e 400. E pensare che tutto è nato per un fuorigioco di troppo. Quel campo da calcio, in viale Brin, è troppo corto per Bindo Lancia, classe 1935.

Per uno che allora, intorno ai primi anni 50, faceva i 100 in 11 netti correre con un pallone al piede e triangolare con Danilo Torriglia, futuro centravanti del grande Cagliari di Gigi Riva, non è cosa semplice. Allora c’è chi decide per lui. Quel ragazzo con i capelli rossi può rimanere al campo sportivo di viale Brin ma deve uscire dal rettangolo di gioco. Non di molto. Appena qualche metro più in là. Per mettere i piedi sulla pista da corsa. E lì che Bindo Lancia muove i primi passi da velocista.

 

E’ stato il professore Aristide Facchini, uno dei poi con il calcio ha avuto a che fare per molti anni a Milano, come preparatore atletico della formazione rossonera.