Il Premio Carlo Magno

Il Premio Carlo Magno

(Danilo Stentella) Il primo di questi premi fu conferito a Richard Nikolaus di Coudenhove-Kalergi, il famigerato padre del piano di sostituzione della popolazione europea che da lui prende il nome. Soprassediamo sulla opportunità di ricevere un premio intitolato a uno dei più sanguinari evangelizzatori della storia, Carlo Magno convertì a fil di spada le popolazioni germaniche al cattolicesimo.

RICHARD KALERGI – UN SOTTILE GENOCIDIO EUROPEO?

Raphael Lemkin, che ha definito il concetto di genocidio, sosteneva che: “… genocidio non significa necessariamente la distruzione immediata di una nazione…esso intende designare un piano coordinato di differenti azioni miranti a distruggere i fondamenti essenziali della vita dei gruppi nazionali. Obiettivi di un piano siffatto sarebbero la disintegrazione delle istituzioni politiche e sociali, della cultura, della lingua, dei sentimenti nazionali, della religione e della vita economica dei gruppi nazionali e la distruzione della sicurezza personale, della libertà, della salute, della dignità e persino delle vite degli individui…non a causa delle loro qualità individuali, ma in quanto membri del gruppo nazionale” (R. Lemkin, 1944).