Pietro Nenni

Pietro Nenni

Pietro Nenni nasce a Faenza il 9 febbraio 1891. Di famiglia povera, è orfano di padre giovanissimo e la madre è costretta ai lavori più umili per mantenerlo agli studi. Repubblicano nel 1908, contrario alla guerra di Libia nel 1911, in quello stesso anno diviene segretario della Camera del Lavoro di Forlì. E’ protagonista nel 1914 della settimana rossa di Ancona, viene arrestato e conosce il carcere insieme ad un altro illustre romagnolo, Benito Mussolini. Si dichiara interventista rivoluzionario in occasione della Prima Guerra Mondiale e parte volontario per il fronte, dove combatte come sergente bombardiere. Nel 1921 aderisce al Partito Socialista schierandosi con la corrente massimalista di Serrati e […]

Movimento operaio

Movimento operaio

Se si escludono gli sforzi pionieristici, isolati e un po’ ingenui, del socialismo utopistico, le prime organizzazioni avevano prevalente carattere di tutela sindacale e di mutuo soccorso, ma dovettero in primo luogo battersi per lo stesso diritto di associazione: le Trade Unions lo ottennero in Gran Bretagna fin dal 1824, seguite soltanto nel 1864 dalle prime leghe francesi e nel 1869 da quelle tedesche. Tra i due momenti si inserirono le rivoluzioni del 1848 , nelle quali si schierò in prima fila il proletariato urbano, ancora in gran parte disorganizzato, di tutti i paesi coinvolti e la nascita del socialismo scientifico, che per primo volle dare agli operai coscienza di […]

Giovanni Malagodi

Giovanni Malagodi

Giovanni Francesco Malagodi nasce a Londra il 12 ottobre 1904 da Gabriella Levi e Olindo Malagodi. La famiglia è originaria di Cento, in provincia di Ferrara, ma risiede a Londra per seguire l’incarico di corrispondente per La Tribuna di Olindo. Nel 1926 Giovanni Malagodi si laurea in giurisprudenza a Napoli discutendo una tesi di filosofia del diritto sulle ‘Ideologie politiche’ che Benedetto Croce, suo relatore, farà pubblicare due anni dopo da Laterza nella Biblioteca di Cultura Moderna. Poco prima della laurea inizia a lavorare, grazie all’interessamento di Raffaele Mattioli, in quel momento capo della segreteria di Giuseppe Toeplitz, presso la Banca Commerciale Italiana come allievo funzionario. Nel 1927 viene assunto […]