Franco Maria Malfatti e la Terni Rieti

Il 19 gennaio di quell’anno (1970), l’onorevole sabino Franco Maria Malfatti, allora ministro delle partecipazioni statali, conseguì un risultato, uno dei tantissimi, di quelli che i giornali definiscono sensazionali. L’ufficio stampa del ministro annunciò che dopo tutto il lavoro svolto, a vari livelli e cioè con l’impegno e la collaborazione dell’onorevole Filippo Micheli, ternano, e dei membri dei Consigli regionali della programmazione di Lazio ed Umbria, il progetto per definire e finanziare la realizzazione dell’autostrada Civitavecchia-Viterbo-Orte-Terni-Rieti-Torano di Borgorose, era stato condiviso, apprezzato ed approvato. (Da: Il Giornale di Rieti, 21/01/2014, per gentile concessione della Redazione)

Devolvere l’8 per mille a Goldman Sachs. Dio è morto.

Dopo aver seguito, con attenzione, la puntata del 2 marzo 2014 di In Mezz’ora, condotta da Lucia Annunziata, si è aperto davanti ai miei occhi tutto un mondo. L’ospite della puntata, Claudio Costamagna, è uno dei più emblematici rappresentanti viventi della finanziarizzazione dell’economia, un uomo che ha fatto una brillantissima carriera in Goldman Sachs, società nella quale ha ricoperto la prestigiosa carica di presidente della divisione investment banking per l’Europa, Medio Oriente ed Africa. Costamagna è stato torchiato a dovere dalla Annunziata per conoscere il gradimento verso il Governo a guida Renzi, domande alle quali l’ospite non si è assolutamente sottratto, anzi con molta generosità di argomenti ha spiegato come […]

Progettare l’energia pulita e sicura. Il video completo del convegno.

[youtube]https://youtu.be/vXQGRJPZ7tk[/youtube] Il video del convegno tenuto a Terni il 15 marzo 2014 presso la sala convegni delle ex Officine Bosco. Anche in questa occasione abbiamo dato voce a una molteplicità di opinioni e modi di intendere il bene comune, a volte persino particolarmente discutibili, nella convinzione che soprattutto così si possa formare una informazione responsabile e pragmatica.

TRA DIECI ANNI NON SARÀ RIMASTO NULLA DELL’ITALIA

Di Roberto Orsi …. leader politici italiani e la stampa mainstream hanno martellato la popolazione con messaggi di una ripresa imminente. In effetti, non è impossibile per un’economia che ha perso circa l’8 % del suo PIL avere uno o più trimestri in territorio positivo. Chiamare un (forse) +0,3% di aumento annuo “ripresa” è una distorsione semantica, considerando il disastro economico degli ultimi cinque anni. Più corretto sarebbe parlare di una transizione da una grave recessione a una sorta di stagnazione. Il 15% del settore manifatturiero in Italia, prima della crisi il più grande in Europa dopo la Germania, è stato distrutto e circa 32.000 aziende sono scomparse. … Il […]

Enrico Mattei. Un uomo scomodo, emblema di un paese scomodo.

Nel 108° anniversario della nascita di Enrico Mattei, ad oltre venti anni dal golpe di Tangentopoli che consegnò il patrimonio pubblico italiano ai grandi potentati finanziari di rapina anglosassoni, quando ormai l’Italia è in ginocchio, nella polvere più di quanto non lo fosse dopo la sconfitta della seconda guerra mondiale, senza più un apparato industriale pubblico, con un sistema industriale privato che tende progressivamente ad estinguersi sotto i colpi di una spietata globalizzazione e anche per colpa di una nota incapacità del solo comparto privato di prosperare, ci piace ricordare la figura di questo straordinario uomo di Stato, ex partigiano, che insieme a Dossetti, La Pira, De Gasperi, Vanoni, Moro […]